Dolore al ginocchio mentre corro

 In BLOG

LA SINDROME FEMORO-ROTULEA

Oggi parliamo di un fastidio molto diffuso tra i runner ovvero il dolore che durante la corsa, o a fine corsa, può presentarsi intorno al ginocchio e che può addirittura rendere difficoltoso svolgere nell’immediato attività della vita quotidiana come camminare o scendere e salite le scale.

La sindrome femoro-rotulea è infatti la patologia dolorosa più comune tra i runners e i maratoneti, infatti si stima che in Italia oltre il 62% dei podisti possa andare incontro a questa problematica ogni anno.

ARTICOLAZIONE DEL GINOCCHIO

La sindrome femoro-rotulea è un’infiammazione che riguarda due ossa, il femore e la rotula, che si articolano tra di loro, formando appunto l’articolazione femoro-rotulea, durante i movimenti del ginocchio.

Questa articolazione femoro-rotulea lavora insieme all’altra articolazione femoro-tibiale, formata appunto dall’osso del femore che si articola con l’osso della tibia.

QUANDO E COME SI PRESENTA LA SINDROME FEMORO-ROTULEA

Questa infiammazione si sviluppa essenzialmente per un:

  • Eccessivo stress meccanico di:
    • Intensità
    • Volume di allenamenti

Infatti questa infiammazione non è dovuta ad un trauma acuto sul ginocchio ma in situazioni dove il runner eccede con allenamenti e/o ritmi troppo veloci e molto impegnativi dal punto che fisico.

Tutto questo è accompagnato quindi ad un non corretto piano di allenamento e capacità di recupero del corpo.

Il dolore viene avvertito essenzialmente:

  • Intorno al ginocchio soprattutto intorno e/o dietro alla rotula

e si presenta durante le attività in cui si crea carico sul ginocchio come ad esempio:

  • salire / scendere le scale
  • accovacciarsi
  • fare affondi
  • alzarsi / sedersi da sedia o divano
  • stare a lungo seduti
  • correre

proprio perché in queste semplici attività si va comunque a creare una compressione tra femore e rotula che può andare a irritare l’intera articolazione del ginocchio.

QUALI SONO I TEST DIAGNOSTICI

Per individuare a capire se il runner è affetto da sindrome femoro-rotulea il fisioterapista non ha bisogno di nessun referto diagnostico (Risonanza magnetica, tac, ecografia, RX).

Infatti per il fisioterapista, specializzato in problematiche della corsa, sarà opportuno conoscere l’anamnesi del pz, capire che tipologie di allenamento sta facendo il runner in base alle sue capacità fisiche ed valutare le seguenti condizioni cliniche:

  • dolore diffuso nella zona anteriore del ginocchio (senza aver subito nessun trauma)
  • dolore in attività quali: correre, camminare, saltare, fare squat e stare seduto a lungo
  • dolore estendendo il ginocchio da seduto contro resistenza in un angolo di 20°-60°
  • dolore alla palpazione del margine mediale e/o laterale della rotula

QUALI SONO I TRATTAMENTI DA FARE

Il trattamento di questa condizione dolorosa deve essere diviso dal fisioterapista in due momenti:

  • un trattamento a breve termine
  • un trattamento a lungo termine

vediamo e capiamo le differenze.

TRATTAMENTO A BREVE TERMINE

Nel trattamento a breve termine, ovvero nell’immediato, il runner deve andare a ridurre tutte quelle condizioni che vanno a determinare dolore al ginocchio e che possono, se continuate, andare a peggiorare la situazione clinica.

Risulta però di fondamentale importanza che il runner mantenga un condizionamento fisico, ovvero che continui a mantenersi in forma e allenato, andando a praticare altre discipline che non creino troppo sovraccarico sul ginocchio

Quindi:

  • ridurre intensità e volume degli allenamenti di corsa
  • ridurre fattori di stress come squat completi, corsa in discesa, stare seduti a lungo
  • mantenere condizionamenti fisico con allenamenti che riducano fattori di stress sul ginocchio come cross-training o nuoto.
  • Spesso può essere utile utilizzo di un bendaggio (Mc Connell, kinesio tape, neuropropriocettivo) funzionale ad opera del fisioterapista, sia da mantenere durante le attività quotidiane per alleviare i sintomi sia per eseguire la prima fase degli esercizi di fisioterapia

TRATTAMENTO A LUNGO TERMINE

In questa fase inizia la stretta collaborazione con il fisioterapista specializzato nella corsa con il quale il runner avrà come obiettivi:

  • quantificare lo stress e andare a aumentare gradualmente volume e numero allenamenti a

settimana, secondo piani personalizzati per ogni runner

  • inserimento di allenamenti intervallati
  • aumentare la velocita
  • allenamenti di corsa anche in discesa

in questa fase della riabilitazione verranno inseriti specifici esercizi per il corretto mantenimento di forza, elasticità e controllo dell’articolazione del ginocchio ma in generale di tutto l’arto inferiore interessato.

Con il fisioterapista il runner inizierà ad eseguire:

  • esercizi funzionali di rinforzo per il quadricipite
  • esercizi funzionali per i muscoli glutei
  • esercizi di stabilità e di controllo articolare funzionali

per arrivare la fine del programma di fisioterapia dove verranno inseriti:

  • esercizi di balzi
  • esercizi pliometrici
  • esercizi con sprint e cambi di direzioni

ASPETTI FONDAMENTALI

Insieme poi al fisioterapista specializzato in problematiche della corsa sarà opportuno che il runner vada ad indagare anche la biomeccanica della sua corsa per avere:

  • corsa più protettiva
  • riduzione delle forze applicate al ginocchio e all’articolazione femoro-rotulea
  • correzione della cadenza, oscillazione verticale, appoggio del piede al suolo

TORNARE A CORRERE IN SERENITA’!!!

La sindrome femoro-rotulea come visto insieme è una condizione molto fastidio per il runner ma che può essere trattata in modo ottimale con un lavoro di squadra insieme al fisioterapista specializzato in problematiche della corsa.

Noi della Fisioterapia Forte dei Marmi siamo fisioterapisti specializzati in problematiche della corsa che da anni seguiamo con ottimi risultati runner sia amatoria sia professionisti che hanno l’obiettivo di tornare a correre, migliorare i loro risultati e mettere in atto fin da subito strategie per non subire infortuni più o meno gravi.

Per ogni runner noi mettiamo sempre in atto programmi personalizzati di fisioterapia per ogni problematica muscolo-scheletrica con analisi visive della biomeccanica della corsa per correggere fin da subito ogni dettaglio e tornare a correre in totale serenità.

Ti aspettiamo per tornare a correre insieme a te!!!

A cura di:

MATTEO SANTOLI,   FT, CAS

  • Terapia Manuale disturbi muscolo-scheletrici
  • Fisioterapista problematiche chirurgiche e non chirurgiche spalla, anca, ginocchio.
  • Fisioterapista recupero in ambito sportivo
  • Fisioterapista problematiche di Dolore Cronico
  • Fisioterapista Nazionale Italiana Triathlon

Matteo Santoli

Recent Posts

Leave a Comment