Dolore al ginocchio nel podista

 In BLOG

PERCHE’ HO MALE AL GINOCCHIO QUANDO CORRO?

In questo articolo andremo a parlare di una delle attività più svolte a livello mondiale, sia a livello professionistico sia a livello amatoriale e ludico.

Andare a correre infatti rappresenta un ottima attività fisica che coinvolge tutta la muscolatura e numerose articolazioni.

Che venga vissuta a livello agonistico o per il solo scopo di stare in forma, andare a correre mette comunque in forte stress tutto il corpo il quale può in determinate circostanze inviare dei segnali di disturbo e dolore.

In questo articolo ci concentreremo su alcuni dolori/fastidi che possono andare a colpire l’articolazione del ginocchio, la quale viene molto stressata sia da un punto di vista osseo sia muscolare.

COME E’ FATTO IL GINOCCHIO?

L’articolazione del ginocchio è costituita da un insieme di ossa, muscoli, legamenti, tendini ecce cc che lavorano in sinergia, garantendo movimento e stabilità all’intera articolazione.

Le due ossa più grandi sono il FEMORE, ovvero l’osso della coscia, che si articola con la TIBIA, che rappresenta l’sso della gamba.

Accanto alla tibia troviamo un altro osso il PERONE, che è unito alla tibia attraverso una membrana interossea.

Mentre a ridosso del femore troviamo un altro osso, la ROTULA, la quale come vedremo, seppur dimenticata per anni nelle diagnosi e nei trattamenti per i dolori alle ginocchia, riveste un ruolo cruciale per il movimento e

l’integrità di tutta l’articolazione del ginocchio.

Centralmente a proteggere e a fungere da ammortizzazione tra femore e tibia, abbiamo i MENISCHI, che funzionano da cuscinetti per limitare attriti e sovraccarichi alle ossa.All’interno del ginocchio abbiamo Il LEGAMENTI CROCIATI ANTERIORE E POSTERIORE, mentre sia sul versante interno che sul versante esterno del ginocchio abbiamo altri due legamenti che sono I LEGAMENTI COLLATERALI MEDIALE E LATERALE.

A livello tendineo abbiamo tre tendini molto importanti che sono il TENDINE DEL QUADRICIPITE, che si inserisce tra muscolo quadricipite e rotule, il TENDINI ROTULEO, che si inserisce tra la rotula a la tibia, e il TENDINI DELLA “ZAMPA D’OCA”, che rappresentano come un ventaglio che si inserisce sulla tibia e riguarda un insieme dei muscoli flessori del ginocchio sul versante interno; ventre sul versante laterale abbiamo un tendine che si inserisce sulla testa del femore che è il TENDINE DEL MUSCOLO BICIPITE FEMORALE.

A livello muscolare abbiamo il MUSCOLO QUADRICIPITE, muscolo della coscia anterioremente, il complesso dei MUSOCLI FLESSORI DLE GINOCCHIO, che riveste la coscia posterioremente.

Mentre a rivestire le ossa della gamba Tibia e Perone, abbiamo posteriomente il MUSCOLO SOLEO E TRICIPITE SURALE, mentre anterioremente abbiamo MUSCOLO TIBIALE ANTERIORE.

Questi sono i muscoli più rappresentati anche se innumerevoli muscoli più piccoli cooperano anche loro a servizio dell’articolazione de ginocchio ma anche di tutto l’arto inferiore.

QUANDO SI MANIFESTA IL DOLORE AL GINOCCHIO IN CHI CORRE?

Le circostanze in cui si po’ manifestare il dolore al ginocchio possono essere davvero tante proviamo ad elencare le più frequenti.

  • Dolore ad INIZIO ALLENAMENTO
  • Dolore a FINE ALLENAMENTO
  • Dolore DOPO DIVERSI KM O MINUTI
  • Dolore IL GIORNO DOPO
  • Dolore con un INSIME DI CIRCOSTANZA APPENA ESPRESSE

Questi sono alcune delle circostanze, espresse dai nostri pz durante la visita, per capire quando un dolore può manifestarsi e già da questo possiamo farci una primissima idea delle cause, vediamole insieme.

DOVE SI MANIFESTA IL DOLORE AL GINOCCHIO IN CHI CORRE?

Come abbiamo visto prima, l’articolazione del ginocchio è costituita da numerose ossa, menischi legamenti, tendini, muscoli ecce ecc. adesso andiamo a vedere quali potrebbero essere le circostanze in cui ogni struttura può dar dolore durante la corsa.

Vediamo alcuni esempi:

  • Un dolore DURANTE LA CORSA, dopo qualche km, potrebbe andare a riguardare le strutture che tendono ad ammortizzare le forze di carico che si creano durante la corsa; quindi le strutture interessate potrebbero essere i MENISCHI che come detto prima agiscono da cuscinetto ammortizzante.

In questo caso, come vedremo, sarà fondamentale controllare lo stato di forza e stabilità dei MUSCOLI, in quanto una loro debolezza potrebbe contribuire a non alleggerire il carico a livello articolare sottoponendo ancora più a stress i menischi.

  • Un dolore ad INIZIO ALLENAMENTO CHE TENDE E RIDURSI CORRENDO, potrebbe riguardare l’interessamento di qualche TENDINE.

I tendini più facilmente infiammabili nella corsa sono, TENDINE ROTULEO (ginocchio del saltatore) E TENDINE DELLA ZAMPA D’OCA, i quali possono dare dolore nella prima fase della corsa, quando ancora non abbiamo raggiunto un buon riscaldamento muscolare con un apporto di sangue importante anche in strutture come i tendini i quali, a differenza dei muscoli, ricevono un percentuale di sangue molto inferiore, necessitando quindi di un periodo di riscaldamento più adeguato per vascolarizzarsi.

Come vedremo in seguito infatti i tendini, grazie agli studi di Jill Cook massima esperta mondiale sulle problematiche legate ai tendini, riescono a mantenersi forti solo se sottoposti a carichi di lavoro adeguati e controllati, sottolineando quindi come , in caso di infiammazione dei tendini, sia SCONSIGLIATO IL RIPOSO ASSOLUTO, privando in questo modo un apporto di sangue fondamentale per la loro integrità

  • Un particolare/dolore nella corsa vede spesso interessata la zona laterale del ginocchio e questa sindrome negli anni è stata denominata SINDROME DELLA BANDELLETTA ILEO-TIBIALE (ginocchio del corridore)

Questo dolore si caratterizza in una zona ben delimitata ovvero la parte laterale del ginocchio che può tendere anche a spostarsi a ridosso della rotula e anteriormente sulla tibia.

  • Spesso molti pz ci riferiscono di un dolore anteriore al ginocchio che spesso si può irradiare dalla parte interna fino alla parte esterna, quindi un dolore avvolgente il ginocchio.

Questa sindrome denominata negli anni DOLORE ANTERIORE DI GINOCCHIO, vede molto spesso l’interessamento di un articolazione del ginocchio fin troppo snobbata negli anni, l’articolazione FEMORO-ROTULEA; infatti senza un adeguato rinforzo muscolare non solo del quadricipite ma anche dei MUSOCLI ROTATORI ESTERNI DELL’ANCA, questa articolazione può andare incontro a instabilità e lassità esterna con dolore diffuso a tutto il ginocchio in circostanze di stress articolare come nella corsa.

QUALI POSSONO ESSERE LE CAUSE DI DOLORE DURANTE LA CORSA?

Individuare delle cause specifiche in medicina non è mai facile soprattutto se non abbiamo avuto dei traumi recenti all’articolazione interessata.

In caso di dolore che comincia senza una specifica causa, e come spesso i nostri pz ci riferiscono ovvero senza aver fatto niente di particolare, beh in questi casi è fondamentale rivolgersi ad un fisioterapista laureato e specializzato in disturbi muscolo-scheletrici.

Proviamo qui a elencare le possibili cause che causano doloro al ginocchio durante la corsa.

Potremmo dividere delle CAUSE ESTRINSECHE E CAUSE INTRINSECHE AL GINOCCHIO.

  • CAUSE ESTRINSECHE:
    • Fondamentali calzature adeguate
    • Non correre sempre e solo su superfici molto rigide come asfalto
    • Una non corretta idratazione prima, durante e dopo la corsa
    • Una non corretta alimentazione prima, durante e dopo la corsa
  • CAUSE INTRINSECHE
    • Un non corretto rinforzo muscolare generale
    • Debolezza muscolare arti inferiori
    • Un non recupero ottimale in pregressi traumi articolari dell’arto inferiore (distorsioni, stiramenti muscolari ecce cc)
    • Eccessiva rigidità della muscolatura arti inferiori
    • Una riduzione di equilibrio statico e dinamico durante attività motorie
    • Appoggio non corretto del piede, su questo aspetto è bene puntualizzare come la figura di riferimento sia il PODOLOGO, ed è fondamentale sottolineare come vada ricercata un non corretto appoggio in fase DINAMICA e non come è stato fatto per anni, ovvero controllare l’appoggio del piede in statica ovvero fermi, perché questa ultima misurazione non è ricollegata alla sequenza di appoggi che si hanno durante una fase dinamica come la corsa.
    • Non corretta biomeccanica di corsa

COME POTER CURARE UN DOLORE AL GINOCCHIO DURANTE LA CORSA?

Come potete vedere e leggere quindi non è assolutamente facile individuare una causa bene precisa anche perchè, purtroppo, in molti soggetti potrebbero essere presenti una o più delle variabili appena elencate.

Infatti la descrizione che prima abbiamo fatto, riguardati le zone anatomiche che possono fare male durante la corsa, rappresentano appunto solo delle strutture dolorose, mentre andare a trovare la causa del motivo per il quale queste strutture si infiammano rappresenta davvero il trattamento da fare per curare il problema alla base.

Sicuramente una cosa fondamentale da farvi presente è quello di dirvi che correre non fa assolutamente male al nostro corpo e alle ossa!

La cosa più importante è farsi visitare da un equipe di di fisioterapisti esperti che potranno in base ad un accurata visita capire quale sia il percorso migliore da intraprendere.

Infatti qui da FISIOTERAPIA FORTE DEI MARMI, abbiamo la possibilità di curare il vostro problema grazie alla nostra RUNNING CLINIC.

Fondamentale sarà fare un visita accurata per capire in quale circostanza il dolore al ginocchio si faccia invalidante; le strategie di rinforzo muscolare, recupero del equilibrio in esercizi dinamici, miglioramento della biomeccanica di corsa, eventuale supporto di plantari ecce ecc sono solo alcune delle strategie che possiamo e dobbiamo mettere subito in atto per riprendere al più presto a correre in tutta serenità ed efficacia.

E altro aspetto ancora più importante, ricorrere ad esami diagnostici come RX, risonanza magnetica e tac, per andare a capire la causa di un dolore non rispecchia sempre la scelta migliore.

Infatti dalla letteratura scientifica sappiamo come spesso non ci sia sempre una correlazione tra un quadro diagnostico di artrosi importante al ginocchio e dolore associato, infatti spessissimo in studio vediamo RX che mostrano una grossa artrosi articolare ma il pz non ha dolore, oppure situazioni opposte dove giovani pz senza artrosi al ginocchio con RX negative manifestano invece un forte dolore articolare.

Quindi NON BASIAMOCI SOLO SU QUELLO CHE C’E’ SCRITTO IN UNA RX O RISONANZA MAGNETICA!!!

RIPARTIAMO PRESTO INSIEME!!!

Quindi come avete potuto leggere, le zone anatomiche coinvolte, le cause possibili, sono davvero tante ma con un attento esame clinico è possibile recuperare in tempi anche abbastanza brevi.

Quotidianamente in studio vediamo e trattiamo davvero tanti podisti che con semplici esercizi e accortezze ritornano a sudare macinando km e km.

Quindi non aspettare troppo noi ti aspettiamo per correre più veloce verso la guarigione!!!

MATTEO SANTOLI,   FT, CAS

  • Terapia Manuale disturbi muscolo-scheletrici
  • Fisioterapista problematiche chirurgiche e non chirurgiche spalla, anca, ginocchio.
  • Fisioterapista recupero in ambito sportivo
  • Fisioterapista problematiche di Dolore Cronico
  • Fisioterapista Nazionale Italiana Triathlon

https://www.linkedin.com/in/matteo-santoli-452302125

Recent Posts

Leave a Comment