Nervo Sciatico?

 In BLOG

Soffri di Lombalgia e pensi che la causa sia il Nervo Sciatico?

Scopriamo insieme cos’è il nervo sciatico e come affrontare questo problema efficacemente sconfiggendo il dolore e il “blocco” della schiena.

La sciatica è una patologia molto diffusa che consiste nell’infiammazione del nervo sciatico con conseguenti dolori localizzabili lungo il decorso del nervo: zona lombare, fianco, gluteo, gamba e piede.

Si verifica nella maggioranza dei casi in concomitanza con la compressione e la conseguente infiammazione del nervo sciatico nel suo punto di inizio nella zona lombare.

ANATOMIA E DECORSO

Fondamentale prima di parlare di qualsiasi problematica che possa riguardare il nervo sciatico.
Questo nervo è chiamato anche nervo ischiatico e rappresenta nel corpo umano il nervo la cui grandezza è maggiore rispetto agli altri.

Probabilmente è il nervo che è più conosciuto dalla popolazione in quanto è quello spesso coinvolto nel mal di schiena; origina nella zona lombare dai forami L4-L5-S1-S2-S3, fuoriuscendo in un unico nervo che scende lungo la gamba andando a passare sotto alla zona dei glutei ( più precisamente al di sotto del muscolo piriforme), e ancora verso il basso nella parte centrale della coscia arrivando al ginocchio nella sua parte posteriore, e terminare lungo la gamba fino al piede.

C’è da precisare che questo grande nervo sciatico si occupa non solamente dell’aspetto motorio ma anche di ricevere la sensazione dolorifica, termica e tattile del territorio sopra descritto.

SCIATICA: I SINTOMI

Andiamo ora ad osservare quali sono i vari sintomi di chi soffre di una sciatica, e analizziamoli meglio uno per uno.

  • Dolore dalla zona lombare fino alla gamba
  • Formicolio, debolezza muscolare ed intorpidimento all’arto inferiore
  • Difficoltà a camminare e a stare in piedi

Dolore dalla zona lombare fino alla gamba:

È il sintomo più comune e quello che risulta essere il più invalidante per il paziente. La condizione dolorosa è qualcosa che il paziente percepisce dalla zona lombare con un grande dolore intenso, quasi come se fosse un coltello conficcato nella schiena e può scendere lungo l’arto inferiore nella parte posteriore della coscia fino ad arrivare al piede.

Questo tipo di dolore è qualcosa che generalmente blocca completamente il paziente, in quanto è impossibilitato a fare qualsiasi movimento che coinvolga la schiena e che determini anche un minimo stiramento della muscolatura posteriore.

Formicolio,debolezza muscolare ed intorpidimento all’arto inferiore:

Nel stesso arto inferiore in cui causa dolore, la sciatica può provocare anche: formicolio, debolezza muscolare, intorpidimento paragonabile a un’alterazione della sensibilità cutanea e difficoltà di controllomotorio.
In genere, è raro che il dolore e i sopraccitati sintomi localizzino tutti nello stesso punto: più spesso, infatti, i pazienti avvertono la sensazione dolorosa in un punto (es: gluteo), il formicolio in un altro (es: coscia), la debolezza muscolare in un altro ancora (es: gamba) e così via.

Difficoltà a camminare e stare in piedi:

Generalmente chi soffre con il nervo sciatico dirà quasi sempre “sto molto meglio a letto a riposo che durante la camminata”. Nelle fasi acute il paziente tende a non voler abbandonare il letto proprio perché la posizione eretta, soprattutto stando completamente dritto sulla schiena aumenta la sciatalgia e genera difficoltà a fare pochi passi. Camminare è particolarmente dolente in quanto, durante la marcia, la schiena deve comunque accompagnare il movimento delle gambe e del bacino ma, nel momento in cui è presente uno spasmo muscolare importante, tutto questo è difficoltoso e doloroso per il paziente.

SCIATICA: COME DIAGNOSTICARLA

Se si pensa di avere una sciatica la miglior cosa da fare è quella di recarsi da un fisioterapista specializzato nel trattamento dei disordini  muscolo-scheletrici.


Il fisioterapista svolgerà una scrupolosa valutazione fisioterapica composta da una serie di test ortopedici, muscolari e funzionali che permettono di capire con un’ottima percentuale cosa sta creando problemi al paziente e come porvi rimedi.

Grazie a questa attenta e precisa valutazione, viene creato un piano di trattamento personalizzato che aiuterà a riportare il paziente nella condizione di benessere.

Se la situazione non fosse chiara, è premura del fisioterapista inviare il paziente ad un medico specialista(neurochirurgo o ortopedico), per avere ben chiara la situazione.

MA LA RISONANZA MAGNETICA?

Molti chiederanno: “perché eventuale risonanza magnetica? Non è bene eseguirla sempre con un dolore al nervo sciatico?” La risposta è: NON SEMPRE!


Studi scientifici infatti hanno mostrato come nel momento in cui siano presenti sintomi che riguardano una sciatica è buona norma eseguire un attenta valutazione fisioterapica e, se questa induce a pensare che sia presente una irritazione nervosa, eseguire una risonanza magnetica ed una visita medica specialistica.

Questo perché una eventuale protrusione o ernia è qualcosa di estremamente frequente nella popolazione mondiale e non sempre queste generano fastidi o dolori!!!

SCIATICA: I RIMEDI

Cerchiamo quindi di raggruppare le cose che vanno fatte e ciò che va evitato

Cosa fare con la sciatica:

  • Eseguire una valutazione fisioterapica per capire se si è davanti ad una infiammazione del nervo sciatico oppure ad una problematica muscolare.
  • Utilizzare dei farmaci antinfiammatori e/o miorilassanti i quali da una parte riducono l’infiammazione sulla radice del nervo e dall’altra riducono lo spasmo muscolare che il corpo adotta
  • Cercare di ridurre eventuali sforzi nella fase acuta del problema, i quali potrebbero indurre una nuova acutizzazione del dolore
  • Iniziare trattamenti Fisioterapici con un fisioterapista esperto in modo da velocizzare il percorso riabilitativo e ritornare in fretta a stare bene.
  • Muoversi il più possibile, soprattutto camminare
  • Iniziare, seguendo il fisioterapista, un ciclo di esercizi quotidiani in grado di ridare al corpo elasticità e forza nei movimenti
  • Correggere la postura sia durante le attività lavorative sia durante l’esecuzione di alcuni esercizi.

Cosa evitare con una sciatalgia:

  • Eseguire movimenti scorretti
  • Pensare che “Prima o poi passerà”. Questo porta ad una cronicizzazione del problema con attacchi sempre più frequenti e intensi
  • Stare troppo tempo sdraiati o a riposo. Questo porta ad un indebolimento dei muscoli della colonna
  • Applicare ghiaccio sulla cute: non solo si rischiano ustioni da freddo ma, nel caso in cui il problema nasca da un muscolo, si rischia di peggiorare la situazione
  • Rivolgersi a personale non laureato oppure non specializzati in questo genere di disturbo
  • Eseguire subito stretching dei muscoli posteriori in fase acuta
  • Utilizzare troppi farmaci antinfiammatori senza però intraprendere un percorso riabilitativo
  • Eseguire delle torsioni del busto in maniera improvvisa e senza elasticità

LUCA LOMBARDI FT, SPT, M.Sc.

  • Specializzato nel trattamento delle problematiche nello Sport
  • Specializzato in tecniche di massaggio sportivo
  • Specializzato in Terapia Manuale delle problematiche muscoloscheletriche
  • Specializzato in Terapia Manuale nelle lombalgie

https://www.linkedin.com/in/luca-lombardi-831a2a34

Luca Lombardi
Recent Posts

Leave a Comment